Dipendenze e disagio sociale

Dipendenze, reinserimento, disagio adulto e carcere

COMUNITÀ DI ACCOGLIENZA E PRONTO INTERVENTO   1979-2002
Comunità residenziale di accoglienza, pronto intervento e riabilitazione per persone tossicodipendenti, con sede dapprima nei quartieri del Giambellino e Muggiano di Milano e successivamente a Cascina Cavoletto a Rosate (MI). La comunità ha accolto mediamente 50 persone all’anno, provenienti in gran parte dal territorio metropolitano e ha operato in stretta integrazione con i servizi per le dipendenze dell’ASL e, nel primo periodo di attività, con l’Ufficio tossicodipendenze del Comune di Milano.

COMUNITÀ D’ORSAY   dal 1993, in corso
Servizio terapeutico riabilitativo residenziale per persone tossicodipendenti accreditato con delibera della Regione Lombardia n.16450 del 23/02/2004. Si rivolge in particolare a persone del territorio milanese ed è collegata con i diversi progetti di rientro sociale gestiti dalla Cooperativa.

PROGETTO SPERIMENTALE UNITÀ ABITATIVE INFERIORI AGLI 8 POSTI
NELL’AREA DELLE DIPENDENZE   
2004-2008
Il progetto è stato promosso da Regione Lombardia e ASL Milano 3 Monza. Ha permesso la sperimentazione nel territorio lombardo di servizi residenziali per le dipendenze di dimensioni contenute e in grado di integrare l’intervento terapeutico con lo sviluppo di efficaci percorsi per il rientro sociale.

PROGETTO UNITÀ DI STRADA   dal 1998 al 2012
La Cooperativa ha partecipato alla gestione del progetto di Unità di strada per persone tossicodipendenti e alcol dipendenti (capofila dal 2010), in collaborazione con Cooperativa Lotta contro l’Emarginazione e Lila Milano e con il Dipartimento Dipendenze di ASL Città di Milano. Interventi di riduzione dei rischi connessi all'HIV e alle altre malattie infettive a trasmissione ematica e sessuale nonché di quelli connessi all'uso di sostanze stupefacenti. Distribuzione di materiali di profilassi, sostegno individuale, consulenze e invio ai servizi.

PROGETTO DROP IN   dal 2003, in corso
Partecipazione al progetto Drop In, avviato dal Comune di Milano e coordinato dall’ASL Città di Milano fino al 2010, poi gestito in A.T.S  da alcune realtà del privato sociale milanese. Il Drop In è un luogo intermedio tra i servizi e la strada, uno spazio di tregua dove i consumatori alcol-tossicodipendenti possano ricevere alcune prestazioni legate alla loro condizione di consumo e ai loro bisogni primari (ascolto, accoglienza, riposo, ristoro, docce, lavatrici). Distribuzione e scambio di materiali di profilassi, attività di informazione, consulenza, orientamento. Il servizio mira alla tutela e al miglioramento della qualità di vita della persona con comportamenti di dipendenza, in particolare di chi è maggiormente compromesso e a rischio di deriva sociale.

SERVIZIO RESIDENZIALE DI REINSERIMENTO dal 1993, in corso
Il servizio comprende gli interventi di accoglienza residenziale e di accompagnamento psicologico, sociale e educativo rivolti a persone con esperienze di dipendenza patologica e in stato di disagio sociale residenti a Milano. L’intervento è svolto in convenzione con il Comune di Milano ed è finalizzato alla successiva totale autonomia abitativa delle persone accolte. Vi hanno accesso persone che hanno completato programmi terapeutici di emancipazione dalla tossicodipendenza e che hanno avviato un’attività lavorativa. Il servizio residenziale di reinserimento si svolge presso appartamenti gestiti dalla Cooperativa.

INTERVENTI TERRITORIALI E SEMIRESIDENZIALI PER EX TOSSICODIPENDENTI IN FASE DI REINSERIMENTO SOCIALE   dal 1999, in corso
Il servizio è realizzato in convenzione con il Comune di Milano e ha in carico mediamente 50 persone all’anno. E' un servizio educativo, sociale e di sostegno psicologico per persone ex tossicodipendenti che abitano presso alloggi propri e che richiedono un accompagnamento personale, sociale e lavorativo nella fase iniziale della piena autonomia e del reinserimento sociale o in eventuali periodi di crisi.

PROGETTO CASE E AZIONI PER L’INTEGRAZIONE SOCIALE   2010-2011
Sviluppo degli interventi di housing sociale temporaneo, in collaborazione con A77 Cooperativa sociale. In collaborazione con Fondazione Cariplo.

PROGETTO EKOTONOS – C. C. SAN VITTORE    dal 1992, in corso
Nel carcere milanese di San Vittore, la Cooperativa partecipa alla realizzazione di  interventi di socializzazione, sostegno e formazione attorno ai temi della salute, della giustizia, della promozione culturale e del reinserimento sociale, con particolare attenzione ai detenuti tossicodipendenti e alle donne. Il progetto Ekotonos nasce a San Vittore nel 1992 per volontà di alcuni detenuti, operatori penitenziari e agenzie del volontariato e del privato sociale.

PROGETTI FONDO NAZIONALE LOTTA ALLA DROGA  (TITOLARE LA COOPERATIVA)

  • ­Avvio di un nuovo intervento di prevenzione delle tossicodipendenze nella circoscrizione 17 del Comune di Milano (1996)
  • ­Attività di recupero e reinserimento sociale e professionale per tossicodipendenti (Milano, 1996)
  • ­Riqualificazione e potenziamento dell’intervento educativo e terapeutico dei servizi di prima accoglienza (Milano, 1998)
  • Il nuovo ruolo delle strutture residenziali nei programmi integrati di riabilitazione coordinati dai SerT (Milano, 2001-2002)
  • ­Rafforzamento della rete e sostegno alle persone in reinserimento (Distretto di Abbiategrasso, 2002-2004)

PROGETTI FONDO NAZIONALE LOTTA ALLA DROGA (PARTECIPAZIONE)

  • ­Progetto rafforzamento della rete sociale per il reinserimento socio-lavorativo (Milano, 1999-2002)
  • ­Spice, attività di prevenzione dell’abuso di droghe negli istituti professionali di Milano (Milano, 2001-2003)
  • ­Drugs off-side, azioni di prevenzione specifica territoriale rivolte a giovani e ai loro ambienti di vita (Milano, 2001-2002)
  • Ekosalute (Milano, 2000-2004)
  • ­Sestante, segretariato e comunicazione sociale per tossicodipendenti (Milano, 2002-2003)
  • ­Luoghi e gesti di cura (Milano, 2002/2004)
  • ­Costruzione di un sistema cittadino integrato per il reinserimento (Milano, 2003-2005)
  • ­Luoghi e gesti potenziamento di sistema (Milano, 2003-2005)
  • ­Approdo (Milano, 2004-2006)
  • ­ASQ - azioni senza quartiere per la prevenzione specifica (Milano, 2004-2006)

PROGETTO UN TETTO PER TUTTI  dal 2004 al 2011 (partecipazione)
Accoglienza residenziale temporanea e accompagnamento all’inserimento sociale (occupazione lavorativa e successiva sistemazione abitativa) per detenuti, persone sottoposte a misure alternative alla detenzione, persone che escono dal carcere in fine pena e loro familiari.

PROGETTO ALBAMAR   2006-2008 (partecipazione)
Il Progetto AlbaMar – Integrated support towards returning migrants in Albania and Morocco (Commissione Europea - MIGR/2005/103-632) ha realizzato interventi di sostegno a rimpatri forzati o volontari (informazione, orientamento e assistenza in Italia e nei paesi di origine). Il Progetto si è rivolto a migranti albanesi e marocchini rimpatriati dall’Italia, contattati nelle prigioni di Milano e Torino, a migranti albanesi e marocchini illegalmente residenti in Italia con un alto grado di vulnerabilità sociale contattati pressi i centri di assistenza a Torino e a Milano, a migranti rientrati nei loro paesi di origine, a giovani a rischio di migrazione clandestina contattati in Albania e in Marocco.

SERVIZIO SILOE E AREA CARCERE E GIUSTIZIA
DI CARITAS AMBROSIANA    dal 2000, in corso (partecipazione)
Presa in carico di persone multiproblematiche attraverso l’ascolto e la costruzione condivisa di risposte al disagio lavorativo. L’Area Carcere e Giustizia si occupa dell’ascolto e del sostegno di persone con problemi penali, dei loro famigliari e dei volontari, nel tentativo di costruire percorsi esterni al circuito penitenziario.

PROGETTO STRADE A MARGINE  l. 328, 2005-2007 (partecipazione)
Attività di ascolto, orientamento e accompagnamento ai servizi per persone in condizione di grave marginalità per problemi legati a casa, lavoro e dipendenze in condizioni di grave emarginazione Il progetto si è svolto nella città di Milano.

ORE D’ARIA   2009-2010 (partecipazione)
Laboratorio artigianale e gruppi di sostegno per detenute presso la Casa Circondariale di San Vittore.